30/01/2019 - Opzione donna, come funziona e quando conviene

Oltre ad introdurre Quota 100, il decreto legge licenziato dal governo ripristina anche la cosiddetta opzione donna che consente alle lavoratici dipendenti di andare in pensione anticipatamente con un’anzianità contributiva pari o superiore a 35 anni e un’età pari o superiore a 58 anni (59 anni per le lavoratrici autonome). Valutarne la convenienza non è però semplice.

Nel precedente periodo in cui è stata disponibile, tra il 2008 e l’inizio del 2017, questa via d’uscita ha riscosso un successo crescente arrivando a totalizzare oltre 83mila pensionate, tra cui un numero significativo di donne medico spesso impossibilitate a continuare la propria carriera ospedaliera per il sovraccarico di lavoro, anche notturno, e per i turni sacrificanti gli aspetti personali e familiari.

QUANDO CONVIENE?

Tre i fattori chiave che segnano l’importo dell’assegno ricalcolato.

Il primo è l’età dell’uscita effettiva, in quanto più si ritarda l’uscita maggiori saranno i coefficienti di trasformazione che traducono in pensione il montante accreditato e quindi più elevato sarà l’assegno.

Il secondo è l’andamento delle retribuzioni negli ultimi anni di lavoro: più sono elevate, maggiore sarà la perdita del vantaggio riconosciuto sull’assegno.

Il terzo e ultimo è la presenza o meno di 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995.

In linea generale le riduzioni più marcate interessano chi ha retribuzioni elevate negli ultimi anni di lavoro e soprattutto chi poteva vantare almeno 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995.

Chi si trova in queste condizioni infatti ha, ancora oggi, la maggior parte dell’assegno determinata con il sistema retributivo e quindi l’impatto di un ricalcolo sarebbe molto più robusto rispetto ai lavoratori più giovani.

Se rispetto alla pensione di vecchiaia lo sconto sul requisito anagrafico è di 7/9 anni – mentre nei confronti dell’anticipata è di 6 anni e 10 mesi relativamente al requisito contributivo, ricordando che alla pensione liquidata secondo l’opzione donna si applicano 12 mesi di finestra prima della decorrenza se l’interessata è una lavoratrice dipendente (18 per un’autonoma) e quindi il beneficio effettivo in termini di accesso anticipato si riduce un poco – il taglio dell’importo della pensione sarà intorno al 20/25 per cento.

Con un trattamento di circa 4mila euro netti mensili, una dottoressa dipendente dal servizio sanitario nazionale con 35 anni di contribuzione e l’attuale sistema potrebbe avere una pensione superiore ai 3.200 euro mentre con il calcolo interamente contributivo la sua pensione dovrebbe assestarsi intorno ai 2.600 euro.

(ENPAM - Claudio Testuzza data pubblicazione : 30/01/2019)


Torna alle news 

LINK UTILI