Sulle docenze a contratto il medico non paga l’Inps

Le docenze a contratto vanno dichiarate all’Enpam nel modello D entro il 31 luglio insieme agli altri redditi da libera professione prodotti nel 2017.

Devono infatti essere versati alla Quota B del Fondo di previdenza generale i contributi previdenziali per gli incarichi di insegnamento attribuiti in base alla competenza professionale medica e odontoiatrica. Tra questi rientrano le docenze universitarie a contratto o docenze a corsi di formazione, ecc.

Chi invece viene insegna nell’ambito di un rapporto di lavoro subordinato (per esempio un ricercatore o un professore ordinario che tiene corsi nel proprio Ateneo) è soggetto all’Inps come un qualsiasi dipendente.

ENPAM MENO ONEROSA

L’aliquota contributiva della Quota B Enpam è del 16.50%, nettamente inferiore a quello che i medici pagherebbero per questi incarichi alla previdenza pubblica, le cui aliquote variano dal 24 al 33%.

Per chiarire quali siano i redditi da dichiarare all’Enpam e quali invece ricadono nella sfera dell’Inps, nel 2012 i due enti hanno emanato una circolare condivisa.

Il contributo che deve essere versato alla Quota B verrà calcolato dall’Enpam. Gli uffici detrarranno dal reddito dichiarato la parte già assoggettata a contribuzione di Quota A del Fondo di previdenza generale.

Come fare per:
Modello D

(data pubblicazione: 25/06/2018)

Torna alle news 

LINK UTILI